Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per raccogliere dati utili a migliorare la tua esperienza di navigazione e di acquisto. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies. - Maggiori info sui Cookies - Nascondi questo messaggio

NORMASE*sciroppo 200 ml 66.7% flacone

Prezzo speciale 7,05 € Prezzo normale 7,90 €
Non Disponibile
SKU
029144019
DENOMINAZIONE
NORMASE 66,7% SCIROPPO FLACONE 200 ML

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA
Farmaci per la costipazione.

PRINCIPI ATTIVI
100 ml di sciroppo contengono: lattulosio 66,7 g. 15 ml di sciroppo contengono 10 g di lattulosio.

ECCIPIENTI
Acido citrico, aroma Curt Georgi n. 7 bis, acqua depurata.

INDICAZIONI
Trattamento di breve durata della stitichezza occasionale.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR
Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Galattosemia. I lassativi sono controindicati nei soggetti con dolore addominale acuto o di origine sconosciuta, nausea o vomito, ostruzione o stenosi intestinale, sanguinamento rettale di origine sconosciuta, grave stato di disidratazione. Generalmente controindicato durantela gravidanza e l'allattamento. Generalmente controindicato in eta' pediatrica.

POSOLOGIA
La dose corretta e' quella minima sufficiente a produrre una facile evacuazione di feci molli. E' consigliabile usare inizialmente le dosi minime previste. Quando necessario, la dose puo' essere poi aumentata,ma senza mai superare quella massima indicata. Adulti: la dose iniziale e' in genere di 20 ml al giorno seguita da 10 ml al giorno, come dose di mantenimento. In certi soggetti puo' essere richiesta una dose iniziale piu' alta (30-40 ml) che deve essere quindi progressivamente ridotta fino alla normale dose di mantenimento. In soggetti sensibili e'consigliabile invece iniziare con dosi piu' basse. Bambini: da 5 a 15ml al giorno, a seconda del peso corporeo. Lattanti: mezzo - 1 ml algiorno per ogni kg di peso corporeo. Le quantita' sopra indicate possono essere assunte anche in un'unica dose giornaliera, preferibilmentela mattina a digiuno o la sera prima del pasto. I lassativi devono essere usati il meno frequentemente possibile e per non piu' di sette giorni. L'uso per periodi di tempo maggiori richiede la prescrizione delmedico dopo adeguata valutazione del singolo caso. Ingerire insieme aduna adeguata quantita' di acqua (un bicchiere abbondante). Una dietaricca di liquidi favorisce l'effetto del medicinale.

CONSERVAZIONE
Nessuna speciale precauzione per la conservazione.

AVVERTENZE
L'abuso di lassativi (uso frequente o prolungato o con dosi eccessive)puo' causare diarrea persistente con conseguente perdita di acqua, sali minerali (specialmente potassio) ed altri fattori nutritivi essenziali. Nei casi piu' gravi e' possibile l'insorgenza di disidratazione oipopotassiemia la quale puo' determinare disfunzioni cardiache o neuromuscolari, specialmente in caso di contemporaneo trattamento con glicosidi cardiaci, diuretici o corticosteroidi. L'abuso di lassativi, specialmente quelli di contatto (lassativi stimolanti), puo' causare dipendenza (e, quindi, possibile necessita' di aumentare progressivamenteil dosaggio), stitichezza cronica e perdita delle normali funzioni intestinali (atonia intestinale). Il principio attivo e' uno zucchero scarsamente assorbibile e non metabolizzato. Per la presenza di altri zuccheri, quali lattosio, galattosio e tagatosio, e' necessario che i pazienti diabetici informino il medico. I pazienti in terapia digitalicadebbono consultare il medico prima di iniziare la terapia. Nei bambinial di sotto dei 12 anni il medicinale puo' essere usato solo dopo aver consultato il medico. Il trattamento della stitichezza cronica o ricorrente richiede sempre l'intervento del medico per la diagnosi, la prescrizione dei farmaci e la sorveglianza nel corso della terapia. Consultare il medico quando la necessita' del lassativo deriva da un improvviso cambiamento delle precedenti abitudini intestinali (frequenza ecaratteristiche delle evacuazioni) che duri da piu' di due settimane oquando l'uso del lassativo non riesce a produrre effetti. E' inoltreopportuno che i soggetti anziani o in non buone condizioni di salute consultino il medico prima di usare il medicinale.

INTERAZIONI
Agenti battericidi a largo spettro ed antiacidi, somministrati per oscontemporaneamente al lattulosio, possono ridurne la degradazione limitando l'effetto acidificante del contenuto intestinale e, di conseguenza, l'efficacia terapeutica. E' invece possibile un effetto sinergicocon la neomicina. I lassativi possono ridurre il tempo di permanenza nell'intestino, e quindi l'assorbimento, di altri farmaci somministraticontemporaneamente per via orale. Evitare quindi di ingerire contemporaneamente lassativi ed altri farmaci: dopo aver preso un medicinale lasciare trascorrere un intervallo di almeno due ore prima di prendereil lassativo.

EFFETTI INDESIDERATI
Occasionalmente: dolori crampiformi isolati o coliche addominali, piu'frequenti nei casi di stitichezza grave, flatulenza. Tali sintomi sono solitamente di lieve entita' e recedono spontaneamente dopo i primigiorni di trattamento. Solo in caso di comparsa di diarrea e' opportuno ridurre il dosaggio o eventualmente sospendere il trattamento. Dopotrattamento protratto si puo' manifestare perdita di elettroliti.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO
Non esistono studi adeguati e ben controllati sull'uso del medicinalein gravidanza o nell'allattamento. Pertanto il medicinale deve essereusato solo in caso di necessita', sotto il diretto controllo del medico, dopo aver valutato il beneficio atteso per la madre in rapporto alpossibile rischio per il feto o per il lattante.
Maggiori Informazioni
Codice ditta MOLTENI & C. F.LLI ALITTI SPA
Scrivi la tua recensione
Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi o crea un account

 

 

 

  Parafarmacia online autorizzata dal Ministero della Salute

 

 



RPF srl Via dei Sanniti 81020 Castel Morrone (CE) Italia P.I./C.F./R.I.CE:02800270619 REA:CE196681 Cap.soc.i.v.Euro 50.000. Parafarmacia Online Autorizzata dal Ministero della Salute C.u:013284. Direttore iscritto all’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Caserta, numero 2610.